Bevande


Q

uesta sezione di Webfoodculture è dedicata alle bevande. Spesso il loro scopo non si esaurisce nel dissetare, acquisendo molte altre funzioni: tra esse, quella di accompagnare il cibo. Precisi abbinamenti possono dar vita a una sorta di magia che si fonda sulla reciproca esaltazione del gusto. Da questo punto di vista, il ‘bere’ può effettivamente trasformarsi da semplice necessità in vera e propria forma d’arte.

IN QUESTA SEZIONE:

Tutti i tipi di bevande: lisce o gasate, alcoliche o analcoliche.




Bollicine nello Champagne. Bollicine nello Champagne.

Bollicine nello Champagne.

L

o champagne, un vino spumante entrato nel mito: per poter davvero capire il motivo di tanta fama, occorrerà necessariamente approfondirne la storia, visitare la regione della Francia in cui nascono le sue uve e apprendere come viene prodotto. (continua)

: Francia




Marsala: il vino dei Florio (img-01) Marsala: il vino dei Florio (img-01)

Marsala: il vino dei Florio.

S

ebbene le uve del Marsala siano da sempre prodotte in Sicilia, fu un inglese a capire per primo le potenzialità di questo vino liquoroso, così come inglesi furono i suoi primi estimatori. Sarà comunque una famiglia italiana a renderlo famoso in tutto il mondo: i Florio. (continua)

: Italia




I vini DOCG italiani. I vini DOCG italiani.

I vini DOC e DOCG italiani.

A

lcune bottiglie di vino italiano portano al collo una sottile striscia di carta, la cosiddetta ‘fascetta’, su cui è stampata la dicitura ‘DOC’ o, in alternativa, ‘DOCG’. Queste sigle hanno una funzione ben precisa: attestare che lo Stato si fa garante dell’origine e della qualità del prodotto. (Prima, seconda parte)

: Italia




Una villa, Goldoni e il vino Friularo. Una villa, Goldoni e il vino Friularo.

Una villa, Goldoni e il vino Friularo.

C’

è un luogo in cui emozioni appartenenti a un tempo passato, arte, cultura e gusto sembrano fondersi. Una splendida villa antica diviene fonte di sensazioni che, inevitabilmente, si traducono in ispirazione. E’ qui che nasce il vino Friularo, frutto di un’evoluzione e di una sensibilità acquisita nei secoli. (continua)

: Italia




Uno spritz in Veneto. Uno spritz in Veneto.

Uno spritz in Veneto.

L

o ‘spritz’ è un aperitivo nato in Veneto, regione situata nel nord est dell’Italia. Negli ultimi anni ha raggiunto una discreta fama a livello internazionale. Il suo nome molto probabilmente deriva dalla parola tedesca ‘spritzen’, che vuol dire ‘spruzzare’ ed indica la pratica di aggiungere acqua gassata al vino così da diluirlo, rendendolo meno alcolico. (prossimamente)

: Italia




I faraoni bevono birra. I faraoni bevono birra.

I faraoni bevono birra.

M

igliaia di anni fa, ben prima della nascita di Cristo, gli antichi egizi erano già grandi estimatori della birra e ne facevano un largo uso. Leggenda vuole che la furia di una loro dea, Sekhmet, in procinto di distruggere l’umanità, venne placata grazie alla birra rossa, scambiata per sangue. (prossimamente)

: Egitto




Rum per i pirati (img-02) Rum per i pirati (img-02)

Rum per i pirati.

“Q

uindici uomini sulla cassa del morto, yo-ho-ho, e una bottiglia di rum!”: nell’immaginario collettivo, un legame indissolubile unisce i pirati al rum. Perchè proprio a questa bevanda alcolica? Per trovare la risposta occorrerà necessariamente esplorare il mondo di questi affascinanti malfattori. (prossimamente)

: Antigua & Barbuda

Hemingway e il vino (img-04)

Un gallo nero per il Chianti.

Un gallo nero per il Chianti

I

l simbolo che ancora oggi indica il Chianti Classico rappresenta un gallo nero. L’originale fu disegnato dal famoso pittore Giorgio Vasari per ricordare una singolare sfida che si tenne nel Medioevo tra la Repubblica di Firenze e quella di Siena. Una disputa per il controllo dei territori del Chianti che, per una volta, non fu decisa dagli eserciti ma … dal canto di un gallo!

Un sorso di grappa sul ponte di Bassano

B

assano del Grappa: un grazioso paese situato nel nord-est d’Italia. Un ponte di legno collega le rive opposte del suo fiume, il Brenta: è il ‘Ponte degli Alpini’ (o ‘Ponte Vecchio’), il suo nome commemora le imprese dei soldati che si distinsero combattendo sulle montagne durante la Grande Guerra. A quei tempi, ben pochi erano i piaceri riservati ad un alpino: tra questi la grappa, la bevanda alcolica tipica di queste zone.

Un sorso di grappa sul ponte di Bassano.




Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – ‘fruit’, A.Mucha, 1897 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – Cattura del Pirata Barbanera, J.L.Gerome Ferris, 1920 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-03 (*) – G.Vasari, autoritratto, 1550, Galleria degli Uffizi (Wikipedia Link) {PD-US}
img-04 (**) – Ernest Hemingway, safari in Kenya, 1954, J.F.Kennedy Pres. Library and Museum (Wikipedia Link)

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.