Dolci


L

e sezioni principali di Webfoodculture riflettono la struttura tradizionale di un pasto completo in Italia. La scelta di impiegare una tale struttura per classificare cibi provenienti da tutto il mondo è legata alla grande reputazione di cui gode la cucina del ‘bel paese’ a livello internazionale. In particolare, questa sezione tratta i ‘dolci’: preparazioni più o meno complesse che si distinguono per il loro contenuto zuccherino.

IN QUESTA SEZIONE:

Preparazioni che si distinguono per il loro contenuto zuccherino. Ad esempio: torte, pasticcini, biscotti, gelati etc.




Frittelle e Galani: i dolci del carnevale veneziano.

Frittelle e Galani: i dolci del carnevale veneziano.

I

l carnevale veneziano: un evento unico al mondo che, anno dopo anno, rinnova la sua magia. Durante il periodo dei festeggiamenti, le pasticcerie della Città dei Dogi preparano le ‘frittelle’ e i ‘galani’: assaggiamo queste dolci specialità, ricche di storia e tradizione, circondati da musiche festose e splendide maschere. (continua)

: Italia




I Cannoli di Cicerone (img-01) I Cannoli di Cicerone (img-01)

I Cannoli di Cicerone.

I

cannoli sono uno dei dolci più tipici della tradizione sicialiana. Era l’anno 70 a.C. quando il famoso oratore romano Cicerone descrisse un dolce molto simile. Approfondiamo la storia di questa deliziosa specialità, impariamone la ricetta e scopriamone le varie tipologie visitando i suoi luoghi. (continua)

: Italia




La torta Sacher, sapore di Vienna. La torta Sacher, sapore di Vienna.

La torta Sacher, sapore di Vienna.

L

a torta Sacher, un dolce austero ed elegante: caratteristiche che la accomunano alla sua città natale, Vienna. Approfondiamo la conoscenza di questa specialità austriaca, scopriamo la sua storia e la sua ricetta, visitiamo la pasticceria più tradizionale che ancora oggi la prepara. (continua)

: Austria




Il panettone, dolce natalizio di Milano (img-04)

Il panettone, dolce natalizio di Milano.

I

l panettone è il più tipico dolce natalizio italiano. Può essere considerato il risultato finale di una lunga evoluzione, ricca di leggende e ‘gustose’ informazioni. Scopriamo la pasticceria più tradizionale che ancora oggi lo prepara seguendo la ricetta originale. (continua)

: Italia




Saint Honoré: la torta del Santo (img-02) Saint Honoré: la torta del Santo (img-02)

Saint Honoré: la torta del Santo.

L

a torta Saint Honorè è un dolce molto apprezzato sia in Italia che in Francia. Fu inventata nel 1486 dallo chef Chiboust che le diede il nome del santo patrono dei panettieri e dei pasticcieri: Honoré. Il sant’uomo, conosciuto anche come Honoratus, era stato vescovo di Amiens, citta famosa per la sua splendida cattedrale gotica. (prossimamente)

: Francia




Babbà, il dolce del Re (img-06) Babbà, il dolce del Re (img-06)

Babbà, il dolce del Re.

S

ebbene il ‘babbà’ (o babà’) possa essere considerato uno dei dolci più tipici della pasticceria partenopea, le sue origini vanno individuate altrove, nel nord Europa. Alcuni studiosi sostengono che un re polacco, Stanislao Leszczinski, ne fosse particolarmente ghiotto. (prossimamente)

: Italia

Voltaire e il gelato (img-03)

Le brioches di Maria Antonietta

“S’

ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche” (“Se non hanno più pane, che mangino brioche”): parole spesso attribuite a Maria Antonietta, Regina di Francia. Se le avesse davvero pronunciate, ciò dimostrerebbe una scarsa considerazione per la fame patita dalla sua gente in quanto le ‘brioche’, pani ricchi di burro e uova, erano al tempo esclusivo appannaggio delle persone più ricche. In realtà, molti storici sostengono che la frase non le appartenga e che abbia iniziato a circolare parecchi anni dopo la Rivoluzione Francese.

‘Baicoli’: antichi biscotti veneziani

I

‘baicoli’(o ‘baicoi’) vanno annoverati tra i più tipici biscotti veneziani. Il loro nome deriva da una parola del dialetto locale che indica pesci di piccola taglia. Come tutti i biscotti, sono cotti due volte (‘bis-coctus’): ciò li rende molto secchi e quindi particolarmente adatti alla lunga conservazione.




Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – Cicerone denuncia Catilina, 1889, Maccari (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – San Onorato da Amiens (Wikipedia Link) {PD-US}
img-03 (*) – Ritratto di Voltaire, N. de Largillière, 1725 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-04 (*) – Milano, la Cattedrale, G.Brogi, 1870 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-05 (*) – Ritratto di Maria Antonietta, J.A. Gautier-Dagoty, 1775 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-06 (*) – Ritratto di Stanisław Leszczyński, Jean Girardet, 1750 (Wikipedia Link) {PD-US}

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.