Le patatine croccanti di George Crum


WebFoodCulture Logo

Le patatine croccanti di George Crum

STORIE, INFORMAZIONI E CURIOSITA’ SULLE PATATINE CROCCANTI, UNO DEGLI SNACK AMERICANI PIU’ TIPICI.

A

lcune tipologie di cibo fanno talmente parte della nostra quotidianità da attirare poca attenzione. Grande è la sorpresa nello scoprire le loro vere origini, caratterizzate da vicende, luoghi e personaggi estremamente interessanti. Personaggi come George Crum, da molti considerato colui che, quasi per caso, inventò uno degli snacks più famosi al mondo: le patatine fritte croccanti.


Le patatine croccanti di George Crum.

Una specialità nata per caso.

L

a nascita delle patatine croccanti viene in genere collegata a un evento fortuito. Due sono le leggende più frequentemente citate, entrambe legate a un cuoco di colore, George Crum, ed alla sorella, Catherine ‘Aunt Katie’ Wicks.


George Crum (img-01) George Crum (img-01)

Un cliente pignolo.

La storia più diffusa narra che le patatine nacquero grazie alle insistenti richieste di un cliente un pò troppo esigente, per il quale le patate che gli venivano servite avevano uno spessore eccessivo. Dopo aver tentato più volte di accontentarlo, il cuoco, George Crum, ne avrebbe preparate alcune tagliate così sottili da diventare croccanti una volta fritte.


Catherine “Aunt Katie” Wicks (img-01) Catherine “Aunt Katie” Wicks (img-01)

Una cuoca distratta.

Un racconto alternativo narra che ‘Aunt Katie’, affettando una patata, per sbaglio ne tagliò una fetta particolarmente sottile e che questa finì inavvertitamente in una padella, iniziando a friggere. Destino volle che il fratello George la assaggiasse, rimanendo sorpreso dal sapore e dalla croccantezza di questo cibo nato per caso.

Le vere origini delle patatine croccanti.

Patatine croccanti.

L

e vicende narrate nel paragrafo precedente, pur essendo citate molto spesso, altro non sono che leggende, prive di testimonianze certe che ne confermino la veridicità.
Con ogni probabilità si tratta di colorati aneddoti, inventati da alcuni giornali per collegare le origini delle patatine croccanti a Saratoga Springs, la città di George Crum. Va detto che egli stesso, in merito a queste ‘storielle’, tenne sempre un profilo molto basso, lasciando correre le voci ed evitando di esprimersi ufficialmente. Non è un caso quindi che si guardò bene dal brevettare la sua invenzione.

In realtà è molto probabile che questa specialità sia nata ben prima di quanto si pensi: diversi ricettari di inizio Ottocento fanno riferimento a preparazioni assai simili. Scavando ulteriormente nel passato si potrebbe scoprire che le sue origini sono attribuibili a uno degli stati europei, come Spagna, Francia, Germania e Paesi Bassi, in cui le tradizioni culinarie legate al consumo della patata sono più antiche.

Il merito innegabile di George Crum e di tutti coloro che fecero affari grazie alle patatine croccanti, è quello di averle trasformate da semplice cibo in un vero e proprio fenomeno di costume, spingendo tutto il mondo ad apprezzarle.


Patatine in sacchetto.

George Crum: cacciatore, guida e cuoco.

George Crum (img-01)

G

eorge Crum nacque nel 1824 nella Contea di Saratoga (Stato di New York). Si sa per certo che la madre era nativa americana, mentre si hanno dubbi in merito al padre: alcuni sostengono avesse origini europee, altri africane. Iniziò a guadagnarsi da vivere come guida e procurando pesce e selvaggina ai ristoranti. Uno dei suoi clienti più importanti fu il famoso Hotel San Souci. George lavorò in questo stesso albergo anche in veste di apprendista cuoco.
Nel 1854 prestò servizio insieme alla sorella presso la Moon’s Lake House: leggenda vuole che proprio da Moon, grazie al suo contributo, nacquero le prime patatine croccanti. Intorno al 1860, aprì un ristorante: il ‘Crum’s’ (a Storey Hill, nei pressi di Malta, New York). Qui accolse una clientela molto varia che includeva alcune tra le personalità più in vista del tempo.


Patatine fritte croccanti.

I ristoranti di Crum.

Tre luoghi hanno una particolare importanza nella vita di George Crum:
1) L’Hotel San Souci, uno dei più importanti alberghi di Saratoga Springs durante l’Ottocento. Nelle sue cucine fu apprendista cuoco.
2) La Moon’s Lake House: la casa sul lago in cui lavorò cucinando e procurando pesce e selvaggina. Leggenda vuole che proprio qui egli abbia inventato le famose patatine croccanti.
3) Il Crum’s: il suo ristorante, aperto nel 1860.


Hotel San Souci (img-03) Hotel San Souci (img-03)

L’Hotel San Souci.

A partire dalla sua costruzione, avvenuta nel 1803, e per molti anni a seguire, l’Hotel San Souci fu il più importante albergo di Ballston Spa, città non lontana da Saratoga Springs. La struttura nacque con il preciso intento di ospitare la ricca clientela che si recava in zona per godere delle benefiche fonti di acqua minerale. Era dotata di un gran numero di camere arredate elegantemente, fastosi saloni, un ristorante di lusso e una sala da biliardo. Tutti servizi pagati profumatamente: un giorno al San Souci poteva costare più di una settimana trascorsa in un albergo di buon livello.


La Moon’s Lake House (img-04) La Moon’s Lake House (img-04)

La Moon’s Lake House.

Nel 1853 il Signor Cary Moon e la moglie Harriet acquistarono la Loomi’s Lake House dove avviarono la propria attività: fu così che nacque la Moon’s Lake House. Sebbene la concorrenza tra le varie case sul lago fosse accanita, fin da subito i coniugi Moon si impegnarono a sbaragliarla. Non badarono a spese, offrendo intrattenimenti di ogni tipo alla ricca clientela. Le loro esclusive feste private sono ricordate ancora oggi, eventi frequentati da alcuni tra i più ricchi ed influenti personaggi dell’epoca. Celebrati da tutti i giornali di gossip, erano il sogno proibito di ogni americano.

Il ‘Crum’s’ di Storey Hill.

Nel 1860 George Crum, dopo una vita di duro lavoro, aprì un ristorante tutto suo: il ‘Crum’s’. Fin dal suo esordio, il menu comprendeva specialità squisite e di prima qualità, tanto da attirare una folta schiera di personaggi ricchi e famosi. Tra essi, grandi magnati come Cornelius Venderbilt e Jay Gould. Si dice che cestini colmi delle famose patatine croccanti adornassero i tavoli del ristorante.


Patatine e aperitivo.

Le ‘Saratoga Chips’: un aperitivo di gran moda.

C

ome già più volte accennato in questo articolo, nell’Ottocento la zona di Saratoga Springs era molto frequentata da ricchi uomini d’affari, artisti, diplomatici ed intellettuali che arrivavano da tutti gli Stati Uniti per rilassarsi e divertirsi. In un contesto del genere, qualsiasi novità veniva accolta con grande entusiasmo: per un certo periodo furono proprio le patatine ad essere al centro dell’attenzione. Mangiarle divenne di gran moda: i rotocalchi mostravano foto di celebrità che le assaporavano mentre erano a passeggio. Il sogno proibito dell’americano medio era di partecipare a una delle feste esclusive che si tenevano al Moon’s, assaporando le famose chips cucinate nel locale.
Una scrittrice del tempo riferisce che:

“… presto si vide tutta Saratoga affondare le mani in cornucopie piene di patatine; un gruppo di persone che le mangiava, produceva un suono simile a quello del calpestare le foglie in autunno”.


Patatine croccanti.

Grandi magnati tra i clienti di Crum.

D

iverse fonti sottolineano che la cucina di George Crum era molto apprezzata da una numerose personalità altolocate. Queste erano solite trascorrere i propri momenti di svago nella zona di Saratoga Springs. Tra esse, vale la pena ricordare due famosi magnati, per anni suoi affezionati clienti:


Cornelius Vanderbilt (img-07) Cornelius Vanderbilt (img-07)

Cornelius Vanderbilt

I

l Commodoro Cornelius Vanderbilt nacque nel 1794 da una famiglia di umili origini emigrata dai Paesi Bassi (‘De Bilt’ è un villaggio olandese). Lasciò la scuola quando era ancora molto giovane, dimostrando fin da subito un incredibile pallino per gli affari: a soli 16 anni fondò la sua prima compagnia di trasporti. Gli investimenti nel nascente sistema ferroviario statunitense lo resero uno degli uomini più ricchi del mondo.


Grand Central Depot, New York City (img-09) Grand Central Depot, New York City (img-09)

Nel 1871 il magnate fece costruire a sue spese la ‘Grand Central’, l’imponente stazione di New York.


Jason “Jay” Gould (img-08) Jason “Jay” Gould (img-08)

Jason ‘Jay’ Gould

J

ay Gould nacque nel 1798 da una povera famiglia di emigranti scozzesi. Da giovane scelse di non lavorare nei campi, così come era invitato a fare dal padre, preferendo dedicarsi agli studi. Il suo ingresso nel mondo degli affari lo vide imprenditore di successo nel settore delle pelli. Grazie agli investimenti nelle ferrovie riuscì ad accumulare enormi ricchezze: nel 1873 acquisì il controllo della famosa compagnia Union Pacific.


Jay Gould's Private Bowling Alley (img-02) Jay Gould, pista da bowling (img-02)

Si dice che il famoso ‘Black Friday’ (‘Venerdì Nero’) del 1869, venne causato dalle sue mosse speculative.

Le ‘chips’ invadono gli Stati Uniti.

L

a diffusione e il successo delle ‘chips’ negli Stati Uniti si devono a una brillante ex-infermiera e a un agente di commercio. La prima trovò un modo per impacchettarle, conservandone a lungo la fragranza, il secondo riuscì a produrle industrialmente, distribuendole in tutto il paese.


Patatine in pacchetto. Patatine in pacchetto.

Laura Scudder

L

aura Scudder iniziò la sua carriera lavorativa in veste di infermiera. Nel 1926 fondò un’azienda alimentare e le venne una brillante idea: conservare le patatine in pacchetti di carta oleata per mantenerne a lungo la freschezza e la croccantezza. Una trovata che avrebbe portato alla commercializzazione su larga scala di questo prodotto.


Patatine in pacchetto. Patatine in pacchetto.

Herman Lay

Dopo aver perso il suo posto da impiegato a causa della Grande Depressione del 1929, Herman Lay lavorò come agente di commercio, trasportando pacchetti di patatine in giro per gli Stati Uniti. Nel 1932, fondò un’azienda tutta sua, la H.W. Lay Distributing Company: la prima a produrre ‘chips’ commercializzate con successo in tutta la nazione.


Patatine croccanti.

Le 'potato chips' di Slim Gaillard (img-10)

Preparazione.

Come preparare le ‘chips’.

A

seguire un video che illustra come preparare le ‘chips’, le patate fritte croccanti.

Un segreto custodito gelosamente.

P

er lungo tempo Cary Moon, proprietario della Moon’s Lake House, difese gelosamente il segreto delle patatine servite nel suo locale. Le ‘Saratoga Chips’ che vendeva erano infatti considerate particolarmente gustose ed ogni tentativo di imitazione falliva miseramente. Solo dopo molti anni si decise a rendere pubblica la procedura. Ciò non provocò una diminuzione della clientela: la Moon’s Lake House rimase a lungo un punto di riferimento per chiunque amasse questa specialità.

‘Potato Chips’.

1956

, il cantante jazz americano Bulee “Slim” Gaillard dedica una canzone a uno degli snack più famosi al mondo: il nome di questa canzone è ‘Potato Chips’, ovvero ‘Patatine fritte’.

Nota: registrarsi a Spotify così da poter ascoltare i brani per intero.

Il nome delle patatine croccanti.

N

egli Stati Uniti le prime patatine croccanti erano conosciute come ‘Saratoga fried potatoes’ o, più spesso, ‘Saratoga chips’. Alcuni le chiamavano ‘potato crunches’.
Al giorno d’oggi il loro nome è ‘potato chips’ o più semplicemente ‘chips’.

Le ‘Lake Houses’.

L

e cosiddette ‘lake houses’ (case sul lago) erano luoghi destinati allo svago dei turisti che soggiornavano a Saratoga Springs. Tra le varie attività offerte: gite sul lago, escursioni panoramiche e la possibilità di noleggiare una barca con cui andare a pescare. Era inoltre quasi sempre disponibile un servizio ristorante, in cui venivano serviti piatti a base di selvaggina e pesce (a volte proprio quello catturato dagli ospiti). In attesa del pasto, la clientela era solita rilassarsi sorseggiando un aperitivo, non di rado accompagnato da croccanti patatine.
Spesso in queste case si tenevano feste private che potevano trascinarsi per tutta la notte. Non essendo degli alberghi, difficilmente venivano messe a disposizione camere in cui soggiornare.

George Crum o George Speck?

G

eorge Crum nei documenti ufficiali era solito firmarsi come ‘Speck’: essendo per metà di origini nativo americane e per l’altra (probabilmente) africane, è difficile stabilire con certezza quale fosse il suo cognome originale.
A tal proposito, nel corso degli anni sono nate diverse ipotesi, tra queste:
Alcuni pensano che il suo primo cognome fosse ‘Speck’ e che adottò in un secondo momento ‘Crum’, nomignolo usato dal padre quando faceva il fantino.
Altri sostengono che ‘Crum’ fosse una sorta di soprannome che gli fu dato dal magnate Cornelius Vanderbilt.

Vanderbilt ama la cucina di Crum.

C

ornelius Vanderbilt, uno degli uomini più ricchi di tutti i tempi, era particolarmente ghiotto delle pietanze preparate da George Crum, tanto che fu affezionato cliente sia della Moon’s Lake House che del Crum’s.
Alcuni pensano che proprio Vanderbilt possa essere il cliente capriccioso di cui si parla nella leggenda che riguarda l’invenzione delle patatine croccanti.

Un aperitivo al Moon’s

G

li ospiti della Moon’s Lake House erano soliti rilassarsi sedendo a un tavolo o accomodandosi su una sdraio nell’ampio patio dell’edificio. Allietati da una spettacolare vista sul lago, potevano sorseggiare un aperitivo, accompagnato dalle famose patatine croccanti.

Il Lago Saratoga.

S

copriamo dove si trova esattamente il luogo di nascita delle patatine croccanti.

Bevande.

La giusta bevanda.

Q

uale bevanda accompagnare a delle croccanti patatine? Una delle scelte migliori potrebbe essere una birra bionda o rossa che sia, morbida, abbastanza calda e abbastanza fresca.
La morbidezza bilancia la sapidità dovuta all’abbondante presenza di sale.
L’alcolicità bilancia la succulenza (indotta) delle patate e l’untuosità della frittura.
L’acidità bilancia la tendenza dolce delle patate.




INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI


Cliccare qui per l'elenco.

Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – George Crum, 1900 circa, Georgs S. Bolster Collection. (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – Cartoon, ‘Jay Gould’s Private Bowling Alley.’, 1882 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-03 (*) – Sans Souci Hotel in Ballston Spa, NY in 1887 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-04 (*) – Moon’s Lake House, Saratoga Springs, NY, 1896 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-05 (*) – Immagine dalla ‘Miller’s Guide to Saratoga …’ di T.A. Richards, 1867 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-06 (*) – Cornelius Vanderbilt, Buttre, 1877 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-07 (*) – Cornelius Vanderbilt, 1844/1860 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-08 (*) – Jay Gould, United States Library of Congress (Wikipedia Link) {PD-US}
img-09 (*) – Grand Central Depot, New York City, 1880 (Wikipedia Link) {PD-US}

Le seguenti immagini hanno licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic :

img-10 – Slim Gaillard al Queens Hall, Edinburgh 1982, immagine appartenente a Phil Wight (Wikipedia Link)

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.