Salumi e formaggi


WebFoodCulture Logo

Il salumi e formaggi più tipici e tradizionali

IL SALUMI ED I FORMAGGI ITALIANI ED ESTERI PIU’ TIPICI E TRADIZIONALI. I PRODUTTORI STORICI PER POTERNE ASSAPORARE IL GUSTO ORIGINALE. STORIE, RICETTE E CURIOSITA’.

Q

uesta sezione di WebFoodCulture intende approfondire la conoscenza dei salumi e formaggi, italiani ed esteri, più tipici e tradizionali. Gli articoli che seguono includono quindi, oltre a metodi di preparazione, storie affascinanti e stuzzicanti curiosità. Forniscono inoltre preziose indicazioni sui produttori storici, così da poter apprezzare il gusto originale di tali delizie.

IN QUESTA SEZIONE:

I salumi ed i formaggi italiani ed esteri più tipici e tradizionali. I produttori storici.


Parmigiano Reggiano, il re dei formaggi (img-06)

N

on si può comprendere del tutto il valore di un prodotto come il Pamigiano Reggiano, da sempre uno dei formaggi più conosciuti e apprezzati nel mondo, senza averne appreso la storia, lunga più di 900 anni, i luoghi, appartenenti a una delle più storiche regioni italiane, gli ingredienti unici e, non ultimo, il metodo di preparazione. Un metodo rimasto pressocchè inalterato nel tempo, i cui segreti sono ancora oggi il fiore all’occhiello del Consorzio del Parmigiano Reggiano. (continua)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi


Prosciutto di Parma DOP, il dolce salume emiliano (img-05) Prosciutto di Parma DOP, il dolce salume emiliano (img-05)

P

arlare del prosciutto di Parma è come fare un tuffo nella storia. Scopriamo dunque le origini di questa specialità, il fascino dei suoi luoghi, come viene prodotto e un gran numero di curiosità. Incontriamo il ‘Consorzio’, il suo produttore più tradizionale. (continua)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi


Formaggio Asiago, deliziosa specialità del Veneto (img-04) Formaggio Asiago, deliziosa specialità del Veneto (img-04)

L’

‘Asiago’, uno dei formaggi italiani più conosciuti ed apprezzati, prende il nome dal celebre altopiano. Scopriamo la storia di questa specialità, come viene prodotta e le sue diverse tipologie. Scopriamo il suo produttore storico, il Consorzio. (continua)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi

WebFoodCulture

I salumi e formaggi più tipici e tradizionali.


La Mortadella Bologna IGP. La Mortadella Bologna IGP.

La Mortadella Bologna IGP.

L

a Mortadella Bologna, insaccato preparato con carne di maiale, è senza dubbio il salume più tradizionale della gastronomia bolognese. La prima testimonianza scritta relativa a questa specialità risale al 1600. Dal 1998, grazie alle sue indubbie qualità, la denominazione può vantare il marchio IGP. (prossimamente)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi


La Mozzarella di Bufala Campana DOP (img-07) La Mozzarella di Bufala Campana DOP (img-07)

La Mozzarella di Bufala Campana DOP.

L

a mozzarella di bufala, le cui origini vengono fatte risalire al Medioevo, è una delle specialità casearie più tradizionali della Campania. Sebbene sia prodotta in diverse parti d’Italia, in questa regione il prodotto ha raggiunto livelli di particolare eccellenza, tanto da meritare l’assegnazione del marchio DOP. (prossimamente)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi


Il Pecorino Romano (img-02; img-08)

Il Pecorino Romano.

I

l Pecorino Romano è uno dei formaggi più tipici della tradizione casearia italiana, molto apprezzato già in età classica. Nonostante il nome di questa specialità possa farla associare alla sola città di Roma, in realtà viene prodotta non solo nel Lazio, ma anche in Sardegna e nella provincia di Grosseto. (prossimamente)

Italia – Sezione: Salumi e formaggi

Virginia Woolf e il cibo (img-01)

La forma del Parmigiano Reggiano (img-06)

La forma del Parmigiano Reggiano.

I

l Parmigiano Reggiano viene prodotto in forme cilindriche dotate di un bordo (lo ‘scanso’) leggermente arrotondato. Qualche numero può dare un’idea precisa delle dimensioni di queste forme:
Diametro delle facce: dai 35cm ai 45cm;
Altezza: da 20cm a 26cm;
Spessore della crosta: 6mm;
Secondo il disciplinare ogni forma deve pesare almeno 30Kg: un valore ragguardevole, considerato che per produrre ogni chilo sono necessari ben 13,5 litri di latte.
(continua)

Prosciutto per le legioni romane.

G

li antichi romani trovarono l’antenato del ‘prosciutto’particolarmente adatto a sfamare le loro legioni. Questo cibo, non necessitando di cottura, dava modo agli eserciti di godere di un’estrema mobilità, garantendo al contempo un corretto apporto nutrizionale: elementi di fondamentale importanza nelle campagne di conquista. (continua)




INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI


Cliccare qui per l'elenco.

Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – Foto di Virginia Woolf, George Charles Beresford, 1902 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – Vista del Colosseo, Giovanni Paolo Panini, 1747 (Wikipedia Link) {PD-Art} {PD-US}

img-03 – Legio III Cyrenaica, immagine appartenente a Caliga10 (Wikipedia Link)

Immagini pubblicate per gentile concessione:

img-04 – Immagine pubblicate per gentile concessione del Consorzio Tutela Formaggio Asiago.
img-05 – Immagine pubblicate per gentile concessione del Consorzio del Prosciutto di Parma.
img-06 – Immagini pubblicate per gentile concessione del Consorzio del Parmigiano Reggiano.
img-07 – Immagini pubblicate per gentile concessione del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP.
img-08 – Immagini pubblicate per gentile concessione del Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano.

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.