Secondi piatti


WebFoodCulture Logo

I secondi piatti più tipici e tradizionali

I SECONDI PIATTI PIU’ TIPICI E TRADIZIONALI. ORIGINI, INFORMAZIONI E CURIOSITA’. I RISTORANTI STORICI DOVE ASSAPORARNE IL GUSTO PIU’ AUTENTICO.

Questa sezione di WebFoodCulture intende presentare al lettore i secondi piatti più tipici e tradizionali della gastronomia italiana ed estera. Gli articoli che seguono illustrano le loro origini, fornendo inoltre utili informazioni e stuzzicanti curiosità. Vengono quindi offerte preziose indicazioni in merito ai ristoranti e ai produttori storici di tali prelibatezze, così da poterne apprezzare il gusto più autentico.

IN QUESTA SEZIONE:

I ‘secondi piatti’, vero e proprio cuore del pasto, spesso a base di carne e/o pesce.


Il Cotechino Modena IGP (crt-01)

Il ‘Cotechino’ è uno dei più celebri insaccati italiani, erede di un percorso millenario che alcuni studiosi fanno addirittura risalire agli antichi Egizi. Preparato con carne e cotenna di maiale, si presenta in diverse varianti a seconda della zona di produzione. La più famosa è senza dubbio quella di Modena, tanto da aver meritato il marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta), che ne certifica e tutela le caratteristiche. (continua)

Italia – Sezione: Secondi piatti / Salumi e formaggi


Lo Zampone Modena IGP (crt-08)

Lo ‘Zampone’ è, senza dubbio, uno degli esponenti più rappresentativi della gastronomia modenese, erede di un’antichissima tradizione contadina che contribuisce a incrementarne il fascino. L’assegnazione del marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta), avvenuta nel 1999, altro non ha fatto che ufficializzare il suo valore. (continua)

Italia – Sezione: Secondi piatti / Salumi e formaggi


L’asado argentino (img-01) L’asado argentino (img-01)

L’asado è una specialità tipica dell’Argentina, assaporarlo dà l’opportunità di comprendere lo spirito di questo paese. Approfondiamo la conoscenza di un cibo tanto prelibato e affascinante, scopriamo la sua storia e come viene preparato, visitiamo il ristorante più tradizionale in cui gustarlo al meglio. (continua)

Argentina – Sezione: Secondi piatti


Le Cotolette alla Milanese (img-02) Le Cotolette alla Milanese (img-02)

La Cotoletta alla Milanese e la wiener schintzel hanno ricette abbastanza simili tra loro: per molti anni ci si è chiesto quale delle due fosse stata inventata per prima e se una potesse essere copia dell’altra. Approfondiamo dunque la conoscenza delle due specialità e visitiamo i ristoranti più tradizionali che le preparano. (continua)

Austria – Sezione: Secondi piatti

WebFoodCulture

I secondi piatti più tipici, i ristoranti più tradizionali.


I ‘Mici’ rumeni (img-03) I ‘Mici’ rumeni (img-03)

I ‘Mici’ rumeni.

I ‘mici’ sono polpette tipiche della Romania, caratterizzate da una abbondantissima presenza d’aglio: un prodotto dal gusto forte, notoriamente odiato da Dracula e, più in generale, da tutti i vampiri. E’ una coincidenza che anche questi esseri sovrannaturali siano originari della Romania? (prossimamente)

Romania – Sezione: Secondi piatti


Il ‘Goulash’. Il ‘Goulash’.

Il ‘Goulash’.

Il ‘goulash’ è una pietanza tipica della tradizione culinaria ungherese: si tratta di una zuppa a base di carne, con l’aggiunta di patate, cipolle, carote e di una buona dose di paprika. Conosciuto anche come ‘gulyás’, un tempo era il cibo dei mandriani che conducevano il bestiame dall’Est al Centro Europa. (prossimamente)

Ungheria – Sezione: Secondi piatti

Kafka e il cibo (img-04)

Arrosticini dall’Abruzzo.

Gli ‘arrosticini’ sono uno dei piatti più tradizionali della tradizione culinaria Abruzzese. Una preparazione semplice, inventata nel passato dai pastori locali per sfamarsi con quel poco che avevano. Consiste nell’infilare piccoli pezzi di carne di pecora, meglio se giovane, in un bastoncino di legno. Questi pezzetti vengono quindi cotti alla brace.
A seguire un piccolo elenco di termini dialettali legati agli arrosticini:
La pecora giovane: la ‘ciavarra’;
Il braciere: la ‘furnacella’;
I bastoncini: i “cippitelli”;

“SE VOLETE ALLEGRIA, MANGIATE MODENESE, LO ZAMPONE DA’ GIOIA AD UN ANIMO TRISTE”
(Émile Zola parla dello Zampone)

Il Cotechino è un insaccato che viene in genere degustato nel corso di tutto il periodo autunnale e invernale. Esistono comunque due giorni in particolare in cui questa specialità non può proprio mancare dalla tavola degli italiani … (continua)




INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI


Cliccare qui per l'elenco.

Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – Gauchos argentini nella Pampa, 1890, Archivo General de la Nación (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – J.J.W. Graf Radetzky, Georg Decker 1850, Schönbrunn Palace (Wikipedia Link) {PD-US}
img-03 (*) – Conte Vlad, Principe di Valacchia, XVI Sec. (Wikipedia Link) {PD-US}
img-04 (*) – Franz Kafka, 1906 (Wikipedia Link) {PD-US}
img-05 (**) – Émile Zola, 1902 (Wikipedia Link)

Immagini pubblicate per gentile concessione:

crt-01 – Immagine pubblicata per concessione del Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP.

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.