Secondi


L

e sezioni principali di Webfoodculture riflettono la struttura tradizionale di un pasto completo in Italia. La scelta di impiegare una tale struttura per classificare cibi provenienti da tutto il mondo è legata alla grande reputazione di cui gode la cucina del ‘bel paese’ a livello internazionale. In particolare, questa sezione tratta i ‘secondi’: preparazioni in gran parte a base di carne o pesce, cotte e condite nei modi più diversi.

IN QUESTA SEZIONE:

Preparazioni a base di carne o pesce.




L’asado del gaucho argentino (img-01) L’asado del gaucho argentino (img-01)

L’asado del gaucho argentino.

L

a traduzione letterale del termine ‘asado’ è ‘cotto alla brace’. I cosiddetti ‘gauchos’, da sempre incontrastati dominatori delle pianure della Pampa, sono grandi esperti nel cucinare la carne in questo modo. Incontriamoli, scopriamone le origini e assaporiamo il loro cibo preferito. (continua)

: Argentina




Le cotolette di Radetzky (img-02) Le cotolette di Radetzky (img-02)

Le cotolette di Radetzky.

L

a cotoletta alla milanese e la wiener schintzel presentano ricette molto simili tra loro: per molti anni ci si è chiesto quale delle due sia stata inventata per prima e se una possa essere copia dell’altra. Il ritrovamento di una lettera del Feldmaresciallo Radetzky sembrava aver fornito utili informazioni in merito. (continua)

: Austria




'Mici': polpette per il Conte Dracula (img-03) 'Mici': polpette per il Conte Dracula (img-03)

‘Mici’: polpette per il Conte Dracula.

I

‘mici’ sono polpette tipiche della Romania, caratterizzate da una abbondantissima presenza d’aglio: un prodotto dal gusto forte, notoriamente odiato da Dracula e, più in generale, da tutti i vampiri. E’ una coincidenza che anche questi esseri sovrannaturali siano originari della Romania? (prossimamente)

: Romania




Il goulash dei mandriani europei. Il goulash dei mandriani europei.

Il goulash dei mandriani europei.

I

l ‘goulash’ è una pietanza tipica della tradizione culinaria ungherese: si tratta di una zuppa a base di carne, con l’aggiunta di patate, cipolle, carote e di una buona dose di paprika. Conosciuto anche come ‘gulyás’, un tempo era il cibo dei mandriani che conducevano il bestiame dall’Est al Centro Europa. (prossimamente)

: Ungheria

Kafka e il cibo (img-04)

Arrosticini dall’Abruzzo.

G

li ‘arrosticini’ sono uno dei piatti più tradizionali della tradizione culinaria Abruzzese. Una preparazione semplice, inventata nel passato dai pastori locali per sfamarsi con quel poco che avevano. Consiste nell’infilare piccoli pezzi di carne di pecora, meglio se giovane, in un bastoncino di legno. Questi pezzetti vengono quindi cotti alla brace.
A seguire un piccolo elenco di termini dialettali legati agli arrosticini:
La pecora giovane: la ‘ciavarra’;
Il braciere: la ‘furnacella’;
I bastoncini: i “cippitelli”;




Le immagini che riportano il logo ‘webfoodculture’ sono protette da copyright.

Le seguenti immagini sono di pubblico dominio:

img-01 (*) – Gauchos argentini nella Pampa, 1890, Archivo General de la Nación (Wikipedia Link) {PD-US}
img-02 (*) – J.J.W. Graf Radetzky, Georg Decker 1850, Schönbrunn Palace (Wikipedia Link) {PD-US}
img-03 (*) – Conte Vlad, Principe di Valacchia, XVI Sec. (Wikipedia Link) {PD-US}
img-04 (*) – Franz Kafka, 1906 (Wikipedia Link) {PD-US}

(*) Questa immagine è di pubblico dominio in quanto il suo copyright è scaduto.
(**) Immagine dichiarata di pubblico dominio dall’autore.