Wine Masters, i Maestri del Vino – Recensione


Wine Masters, i Maestri del Vino – Recensione.

W

ine Master è una serie di documentari dedicati al mondo del vino, realizzata dal produttore olandese Klaas de Jong. Un progetto ambizioso, che mira a coinvolgere lo spettatore donandogli emozioni che travalicano la consueta offerta informativa.


Wine Masters, i Maestri del Vino (img-01)

F

in dalle prime immagini dell’opera, l’attenzione è attirata da colori vibranti: su tutti, il verde dei filari che, come un diadema, rivestono sinuose colline, l’oro ed il porpora dei grappoli d’uva, il marrone delle botti.



Lente panoramiche mostrano in tutto il loro splendore campagne lussureggianti, solcate da placidi corsi d’acqua ed impreziosite da suggestivi paesini: luoghi incantati che sembrano saltar fuori da un libro di favole.



Una colonna sonora intrigante e sorniona, leitmotiv di tutta l’opera, accompagna la dichiarazione d’amore di un ‘vigneron’ per la sua terra e per il suo lavoro: ben più di una semplice professione, un’irresistibile passione.


Arnaud Bourgeois, Maestro del Vino, decima generazione (img-01)

Klaas evidenzia da subito l’inestricabile commistione tra natura e fattore umano quando si ha a che fare con l’enologia. Il richiamo a un’interpretazione allargata del concetto di ‘terroir’ è esplicito: un’interpretazione che, oltre al territorio, al clima ed alle tecniche di coltivazione, chiama in causa le persone come ingrediente imprescindibile nella creazione di un grande prodotto.



L’umanità a cui si fa riferimento è rappresentata dalle grandi ‘famiglie del vino’: nella prima stagione di Wine Masters se ne incontrano cinque, una per ogni episodio, in rappresentanza di specifiche zone della Francia: i Guigal (Reno), i Bourgeois (Loira), i De Bouard (Bordeaux), i Drouhin (Borgogna) ed i Trimbach (Alsazia).
Si tratta di gente indubbiamente speciale, depositaria di un sapere gelosamente tramandato da una generazione all’altra e perfezionato nel corso del tempo. Un sapere che si esprime nella creazione di vini unici, vere e proprie opere d’arte, il cui valore è legato non solo alla qualità, ma anche e soprattutto a una forte ‘personalità’, che riflette appieno quella dei propri artefici.
Il regista è molto abile nel mettere in luce caratteristiche come questa, quasi impalpabili, ma chiaramente di fondamentale importanza. A tale scopo, chiama direttamente in causa i componenti delle varie famiglie: grazie alle loro parole e agli sguardi che trapelano nelle varie interviste, è davvero possibile iniziare a comprendere cosa voglia dire essere un ‘maestro del vino’.



Klaas, la cui regia riesce ad essere al contempo forte e discreta, è affiancato in tutta la serie da due ‘addetti ai lavori’, Tim Atkin e Jeannie Cho Lee, giornalisti e scrittori appassionati, che grazie ai loro frequenti e puntuali interventi completano l’offerta informativa.

In coda ad ogni video, i protagonisti dell’episodio suggeriscono gli abbinamenti con il cibo da loro preferiti. Immagini conviviali coronano la narrazione, ritraendo le famiglie del vino mentre sono a tavola e mostrandole in quello che forse è il loro momento di massima unità e splendore.



Chi ha la fortuna di poter assaporare ed apprezzare il frutto del duro lavoro di queste persone, deve essere conscio che stappare una loro bottiglia vuol dire aprire un vaso di Pandora, il cui contenuto è un carico di sensazioni profondamente segnate da una vivida umanità: un ingrediente capace di trasmettere piaceri unici, sia per il palato che per la mente.



Se lo scopo di Klaas de Jong nel realizzare Wine Masters era quello di fornire allo spettatore, oltre alle nozioni, vivide sensazioni, si può dire che ci sia perfettamente riuscito. La visione della serie è quindi consigliata in egual misura sia agli appassionati che ai neofiti, ai quali è data la concreta possibilità di comprendere e apprezzare appieno il mondo del vino.


Il Maestro del Vino e la Sua Terra (img-01)

Klaas de Jong e il vino (img-01)

Wine Masters: il trailer.

D

i seguito il trailer della serie di documentari ‘Wine Masters’, più che efficace nell’anticipare i contenuti e soprattutto le atmosfere trasmesse dall’opera.

Wine Masters: gli episodi.

O

gnuno dei cinque episodi della serie è dedicato a una particolare zona della Francia:



Reno (img-01)


Loira (img-01)


Bordeaux (img-01)


Borgogna (img-01)


Alsazia (img-01)




(img-01) Tutte le immagini di questo articolo sono pubblicate per gentile concessione del Signor Klaas de Jong e della FarmHouse Prod.